Il nuovo modello di rating per le PMI

Data di pubblicazione: luglio 9, 2018

Dal libro scritto dai dottori Antonio Cusimano ed Alfonso Rizzo prendiamo spunto per evidenziare il passaggio al Rating del Fondo centrale di Garanzia.

Nella prefazione viene tracciato con notevole precisione e sintesi il perimetro operativo:

“Il Fondo Centrale di Garanzia è ormai universalmente riconosciuto sia dal Sistema bancario che da quello imprenditoriale come lo strumento di politica industriale più importante del paese.

La considerevole leva finanziaria che sviluppa nelle sue diverse forme di garanzia (diretta, controgaranzia, riassicurazione e di portafoglio) ha convinto gli ultimi governi a rafforzare la dotazione finanziaria che di anno in anno ha accumulato cifre importanti che, almeno finora, sono state intaccate solo marginalmente dai crediti che via via si sono andati deteriorando. La preoccupazione del Governo ed in particolare dei Ministeri: dello Sviluppo Economico e del Ministero dell’Economia e Finanze che firmano insieme tutta la normativa secondaria, è stata quella di cercare di “razionalizzare” il sistema degli accantonamenti per cercare di aumentare se possibile la leva, ma soprattutto per allineare l’utilizzo dei fondi accantonati al profilo di rischio del portafoglio garantito. Per questo motivo la pietra di volta della Riforma del Fondo è il Rating. Il Ministero, per effettuare i giusti accantonamenti, si è dotato di un sistema di rating molto simile a quello delle banche………………”

Ovviamente l’impegno della nostra Società è quello di spingere le Banche all’utilizzo di questo strumento facendosi carico dell’intera filiera sollevando le banche dall’operatività e dai rischi derivanti.

Nei prossimi articoli cercheremo di sottolineare i passaggi più importanti del nuovo modello di rating.

Per chi volesse approfondire in modo completo la tematica può acquistare il libro: IL NUOVO MODELLO DI RATING PER LE PMI, edito da Maggioli Editore.

Share